#41 silenzio


...
me ne stavo li a guardare questi puntini sospesi. 
cercavo risposte ma risposte non ne arrivavano, arrivavano invece delle domande cui non ho saputo rispondere se non con il silenzio.
il silenzio.

lo metti lì. sul tavolo. non lo annunci, non lo dichiari. lo metti lì e basta. 

sono in pochi a vederlo. qualcuno lo scambia per un rassicurante vuoto di idee, di quelli che fanno sentire le persone legittimamente parte di una maggioranza.
poi ci sono quelli che lo sanno vedere. e spesso non sono neppure i destinatari veri, a percepirlo.
perché il silenzio è come un vaffanculo: non serve a chi lo innesca ed é superfluo per chi lo sa comprendere. 
un silenzio è fatto di materia leggera, ma è capace di spigoli.
un silenzio sa anche volare da un capo all'altro di una città, sopra il mare, oltre le montagne. 

un silenzio è un origami che ti guarda, zitto.



24 commenti:

  1. C'è pure un silenzio che è espressione di stupore o volontà di non sciupare ciò che c'è ed è per-fet-to così ma credo che tu ti riferisca ad altro, io almeno leggendoti ho pensato che avevi dato un'immagine metaforica "sartoriale" ad un certo silenzio-mio, quello costruito come presa d'atto e rinuncia a comunicare con qualcuno. Utile solo a prendere fiato (magari prima di decidere da che parte stare)...
    Ebbravo Red...guardo quest'immagine e sorrido della bellezza di un certo modo di comunicare (anche parlando di silenzi)..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ci ho messo un po' a decidere di rispondere ai commenti.
      pensavo che la cosa migliore fosse stare zitto. lasciar parlare il post e non sporcare le parole di chi ha ritenuto di intervenire. poi però vince la voglia di dialogo, e allora eccomi qui..
      ma prometto che scriverò tutto quanto sottovoce..

      tu parli di silenzi di colori ed intensità differenti.
      quello di cui tu parli è un silenzio che mi appartiene anch'esso.
      quello del non dire per non perturbare. quello del leggere (se riferito a questo posto) e dare ai pensieri il tempo di trovarsi. prima di dire qualcosa o di decidere di non farlo.
      il silenzio è anche rispetto per le parole. la ricerca del non detto.

      Elimina
    2. IL SILENZIO È DA PARACULI. Serve a fare esporre gli altri. Tecnica vecchia come il cucco.

      Elimina
  2. La gru.
    Il primo origami che ho imparato a fare.

    Anche il silenzio è un origami di carta leggera e spigolosa. C'è una leggenda giapponese, sai, sulle gru di carta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è una leggenda che parla del silenzio?
      o è una leggenda che parla di puntini
      ...
      oppure forse è una leggenda che parla delle gru di carta, del loro silenzio e dei loro puntini.

      perché non me la racconti?

      Elimina
    2. Mille puntini di carta piegata con cura, mille anni, mille pensieri...
      Questo lo puoi trovare ovunque, volendo.

      Io ricordo soprattutto una fila di dieci gru legate sopra un letto, tanti anni fa, forse mille anni fa. Ma questa è una storia che non posso raccontare, qui.

      Elimina
  3. sei giorni del tuo silenzio mi sono bastati, mi sei mancato prima che finissero.
    Però tu hai trovato la strada: ricercare il silenzio, la solitudine é aprire la porta allo sposo. Bravo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. giorgia, non contare i giorni. se conti i giorni con le dita ti ritrovi con le mani occupate e lo sguardo basso.
      poi sai, io mi sono fatto l'idea che ogni post abbia dentro di sè delle cose da dire e da far dire. e che è un peccato passare ad altro senza darsi il tempo di andare a fondo.
      fino a che i commenti tuoi e di altre persone saranno così stimolanti, come potrei io ridare le carte e costringere tutti a ripartire da capo?
      anche questi sono capitoli, e sono tutti da scrivere, non ti pare?
      girando nei blog di alcune persone qui dentro ho trovato pagine meravigliose che nessuno aveva mai letto e/o utilizzato per rilanciare pensieri propri. davvero un peccato..
      io trovo nei miei post commenti che li arricchiscono in modo assoluto.
      non voglio perdermi nemmeno una goccia di tutto questo.
      nemmeno una. ;)

      Elimina
    2. Il passo lento, quello che porta lontano. Tu red mi sorprendi di saggezze, cosa devo fare con te? Esamineresti con benevolenza una mia osservante proposta di matrimonio (rito cattolico)?

      Elimina
    3. non mi sono mai sposato con rito cattolico, giorgia..
      questo ti dice almeno due cose, di me. ;)

      Elimina
    4. che aspettavi quella giusta, e da un saggio questo me lo aspettato anched io :)

      Elimina
  4. Mi piacerebbe trovare il silenzio. E lasciarlo lì, sospeso. Contemplarlo. Senza parlare. Senza pensare. Senza niente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh. ma io sono assolutamente certo tu sia capace di silenzio.
      capita di averne sempre un po' in tasca ma di non usarlo, di volerlo risparmiare per tempi in cui ce ne sarà davvero bisogno.
      il silenzio è una scatola da riempire che però trava senso solo quando è piena.
      oppure è un contenitore trasparente che ti consente di guardare dall'esterno quello che contiene.
      il silenzio è una crystal ball in cui puoi cercare la tua immagine riflessa e la voce del tuo silenzio è la tua stessa voce. è l'insieme delle pause di un intero discorso mai pronunciato.

      Elimina
  5. Il digiuno della parola richiama a sé significati molteplici e spesso antitetici.
    Osservazione. Contemplazione. Riflessione. Pausa. Assenso. Dissenso. Peso. Inquietudine. Paura. Omertà. Complicità. Colpa. Sofferenza. Ammissione. Ostilità. Amarezza. Solitudine. Pace. Rispetto. Felicità. Presenza. Assenza. Amore. Indifferenza. Interiorità.
    Ascolto di sé e degli altri.
    In una società dove tutto è rumore, dove la parola la fa da padrone, dove, tramite la parola, spesso ci si autocelebra, si cerca di affascinare, di colpire gli altri, di assumere una posizione predominante, di piacere.
    Una parola che spesso racconta poco, che riempie le bocche per colmare i vuoti, una parola che molto più spesso rappresenta il vuoto di chi le ha pronunciate.
    In un mondo così, il silenzio, per me, è semplicemente un dono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le parole si scrivono. si dicono. si leggono. si riportano.
      il silenzio no:
      il silenzio s i o s s e r v a .

      Elimina
    2. A non parlare non si corre alcun rischio di dire qualcosa di intelligente o che valga la pena di esser detto. Il silenzio è vigliacco!

      Elimina
  6. Risposte
    1. sai, recentemente ho sentito una persona asserire che siamo fatti per il 90% d'ansia.
      io credo che il silenzio sia solo il tempo che ci diamo per ascoltare.
      e credo che anche tu lo sappia. il silenzio è ansia quando rimane lei sola a parlare, ma non è sempre così, dai. ;)

      Elimina
  7. quello che mi piace è stare in silenzio con le persone a cui voglio bene, e poi guardarsi attimo e scoprire che si sta facendo un pensiero simile, e dirlo, e poi tornare in silenzio. senza parlare. è che sto diventando vecchia forse ma il silenzio mi piace sempre di più. vicinanza in silenzio, che grande intimità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un lungo silenzio fatto di occhi cercati e di respiro. un posto sempre nuovo. bello bello.

      Elimina