#044 lo spessore del vetro

c'è questo vetro sospeso.
la luce è obliqua come obliquo è il pensiero.
c'è questo vetro spesso e opaco come fosse acqua ferma.
è solo un attimo, un riflesso, un doppio sogno sullo schermo.

da una parte.
un ricordo proiettato in bianco e nero.
un abbaglio come un sogno e sovraesposto su pellicola.
un abbraccio accennato, le labbra caricate a salve.
la balza di un cappotto che svanisce dietro l'angolo.


dall'altra parte
il sogno è una scena girata ad occhi bassi ma è preciso,
mostra una storia scolpita su pietra a mani nude.
mostra lo scivolo di un interrato,
mostra una bimba non vista.


e nello spessore del vetro
le due storie non si toccano.




15 commenti:

  1. Vetro.
    Duro, fragile. Trasparente.
    Bassa conducibilità elettrica e termica.

    Ci si vede attraverso, a volte come se non ci fosse. Ma è un isolante, il vetro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. milleseicento volte più isolante del diamante
      quaranta volte meno isolante dell'aria ferma.

      conducibilità onirica: misura dell'attitudine di una sostanza a trasmettere il sogno.
      permeabilità cromatica: misura della capacità di essere attraversati dal colore.

      Elimina
    2. Il sogno e il colore variano col variare della temperatura. Nessuna possibilità di modificare le proprietà della sostanza in oggetto.

      Elimina
  2. Se poi è vetro mattone....

    RispondiElimina
  3. come quando lo spessore si assottiglia, come..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. da wikipedia:
      "Da un punto di vista chimico, il termine vetro si riferisce a materiali che sono ottenuti tramite la solidificazione di un liquido non accompagnata da cristallizzazione. I vetri sono quindi solidi amorfi, assimilabili a liquidi sottoraffreddati ad elevatissima viscosità, con i legami intermolecolari e gli attriti interni che ne mantengono inalterata la forma per un tempo lunghissimo."

      il vetro come acqua ferma, dunque. e gli strati che lentamente scorrono verso il basso.
      e molto lentamente svanirà in uno spessore nullo.

      Elimina
    2. ecco. a questo mi riferisco.

      Elimina
  4. Bellissime righe Red, mi inchino (solo un pò eh?!) ma mi piace (molto) ,bello graficamente con quello spaziare che è musicale e evocativo con quella lastra, fredda chè basta poco per frantumarla (procurandosi le dovute ferite da schegge)
    ;-)applausi...

    PS: il post della prima volta me lo tengo dentro così come risuona ;-) shhhhhhh.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ok, mi hai convinto, prolungo il contratto al ghost writer di questa settimana.
      a proposito, la prossima lui se ne parte. non è che avresti un po' di tempo tu? ;)

      (sai che non so mai come rispondere? i complimenti mi inchiodano. piuttosto mi hanno appena bacchettato perché scrivo si anziché sì.. )

      Elimina
  5. Sto imparando, invecchiando, che ai complimenti si risponde con un sorriso :-)
    Si o sì...boh Red...io c'ho pure una vena dislessica tra quelle che mi scorrono dentro quindi sono una fautrice del pressappochismogrammaticalelaborato (che si differenzia da quello elementare perchè riconosco almeno ho da o, ecco)
    Dove devo firmare per la sostituzione temporanea del gw?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io dico grazie. Sorridere fa venire le rughe.

      Elimina
    2. le rughe quelle belle, però. no?

      Elimina
    3. MQT: in realtà lo stai già facendo. se questo posto risulta interessante per qualcuno lo si deve ai commenti più che ai post: questo è un blog scritto a quattro alla enne mani.
      quindi puoi già passare alla cassa e ritirare la tredicesima. ;)

      Elimina
    4. Le rughebelle fanno piu' bella :-)
      Leggero Natale Red!

      Elimina